Gabriella Capodiferro : cum discipulis - sulle tracce di Gabriele d'Annunzio

Pescara, Museo Casa natale di Gabriele d'Annunzio

1 - 30 luglio 2008 - Mostra

Gabriella Capodiferrro, Il giardino segreto

 

Martedì 1 luglio 2008 alle ore 18.30, presso il Museo Casa Natale G.d'Annunzio di Pescara, s'inaugura la Mostra di pittura “ Gabriella Capodiferro : cum discipulis – sulle tracce di Gabriele d'Annunzio”. La mostra è strutturata in due momenti espositivi : 1 -14 luglio Collettiva degli allievi della scuola di pittura “MGC movimento del guardare creativo “ e 15 – 30 luglio Personale di Gabriella Capodiferro. La cerimonia inaugurale si svolgerà presso il Caffè Letterario in via delle Caserme n.22 con una tavola rotonda presieduta dai critici Leo e Chiara Strozzieri in cui sarà presentato l'elegante catalogo a colori.

L’idea di una mostra di pittura contemporanea ispirata all’opera di Gabriele d’Annunzio, da ospitare nella casa natale del Poeta, ci è sembrata un’idea quanto mai interessante e calzante per un personaggio che si è entusiasmato a tutte le espressioni artistiche più innovative della sua epoca. Il progetto si è concretizzato in due momenti conseguenti articolati in due diverse dinamiche compositive: la collettiva di pittura, in cui sono inserite anche alcune sculture, degli allievi della scuola, cui segue la personale della Capodiferro con opere assolutamente inedite create ad hoc per questo evento. Assai incisiva è la motivazione culturale che la pittrice pone alla base del duplice intervento creativo: l’ipotesi di rivisitazione della visione dannunziana di un’ abruzzesità arcaica per contrapporvi la realtà attuale di una terra aperta all’arte, agli scambi culturali multietnici e al turismo, pur nella salvaguardia della sua identità. Gli allievi, muovendosi sul tema “colori e forme per una nuova terra vergine” presentano opere originali ispirate alla tematica di un Abruzzo creativo e consapevole delle proprie potenzialità culturali, confrontandosi in un dialogo critico con la lirica dannunziana .

I brani del Notturno, i versi della prima raccolta dannunziana Primo Vere, quelli di Alcyone, quali La Pioggia nel pineto o Il Gombo con la musicalità, la magia verbale, il gioco analogico che li contraddistingue, sono stati dagli artisti associati alle tele a creare un ideale colloquio con il Poeta, a fare da contrappunto alle espressioni pittoriche. In qualche caso, come La pioggia nel pineto, si è tentata una trasposizione visiva della musicalità del brano. L’ “hortus conclusus”, tema caro alla poetica dannunziana, è il motivo ispiratore delle opere di Gabriella Capodiferro. La pittrice ha voluto articolare la sua personale come una sorta di duetto con il Poeta in un confronto diretto tra poesia e pittura di grande intensità. Il giardino, l’ “hortulus animae” dannunziano, è trasposto sulle tele in un gioco di rimandi tra brani poetici e brani pittorici di grande suggestione: il Giardino tropicale con il suo acceso, vibrante cromatismo, il Giardino nero con la sua intensa forza evocativa ci appaiono come la risposta visiva più appropriata alle emozioni suggerite dai versi dannunziani. E’ per questo che la casa natale del Poeta non poteva che essere la sede più idonea per l’evento.

                                                                                                          Luisa De Tommaso

Orario di apertura Museo Casa Natale di G. d'Annunzio : tutti i giorni 18.30 -23.30