Festa della Donna a Casa d’Annunzio

Pescara, Museo Casa natale di Gabriele d'Annunzio

8 marzo 2015 - eventi

8 marzo 2015

Consegnate alla storia  e alla letteratura come Medee o Circi, Calipso o Penelope donne angelicate o avvelenatrici, il grembo delle donna  è genitrice degli aneliti che muovono le forze del mondo e della creatività. Percorsi oscuri e terribili ne hanno lambito il protagonismo, da strega a madre, attrice o comparsa di  scenari politici e  artistici  sino a passare, presenza sinuosa, tra la belle epoque e i caffè chantant, all’insegna dell’edonismo la provocazione e bellezza che sedussero i pensieri e le parole di Gabriele d’Annunzio. Arrivarono al voto, queste donne divenute suffragette,  solo nel 1945. Lui, il vate, era morto già da qualche anno ma le sue liriche e la sua sensualità avevano creato non solo un mondo magmatico sulla donna e sull’erotismo, ma anche una letteratura avida di  devozione verso il  femminile corteggiato quasi con ossessione. Sono le sue poesie, ora, ad essere infiocchettate e regalate ad ogni donna che domenica 8 marzo visiterà  il Museo Casa D’annunzio a Pescara, aperta al pubblico fino alle ore 14.00. Parole  che bruciano, sfiorano, come “acqua deserta, falce d’argento, aneliti che esalano al mare” e proseguono un omaggio all’universo femminile, e alla sua pienezza, che il poeta ha voluto passare,  con la carezza sensuale dei suoi versi immortali, alle nostre generazioni. 

Le  liriche offerte in dono l'8 marzo saranno declamate da Franca Minnucci il 12 marzo 2015  alle ore 18.00 nel corso di un appuntamento organizzato da Lucia Arbace per festeggiare il compleanno di Gabriele d'Annunzio.

Una poesia infiocchettata, per te, donna.