Lucilla Catania/Cloti Ricciardi. 12 disegni per due sculture

Pescara, Museo Casa natale di Gabriele d'Annunzio

5 dicembre - 10 gennaio 2010 - Mostra

Lucilla Catania e Cloti Ricciardi esporranno nel Museo Casa Natale G. d’Annunzio a Pescara e, successivamente, al MUSMA di Matera, dodici disegni che rappresentano il momento conclusivo di un progetto condiviso di riflessione ed approfondimento intorno al proprio linguaggio espressivo.
Il progetto, a cura di Anna Imponente già Soprintendente BSAE per l’Abruzzo, e di Giuseppe Appella, Direttore del MUSMA, Museo di Scultura Contemporanea di Matera, è sostenuto dalla Direzione Generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l’architettura e l’arte contemporanea del Ministero per i Beni e le attività culturali. Le due sculture intitolate Naturale (Catania) e Quale tempo quale spazio (Ricciardi) sono diventate oggetto di un’indagine che si concretizzata in una seria di opere su carta, sviluppatasi, nel corso del 2008 intorno al concetto di “Somiglianza e Diversità”.
Naturale di Lucilla Catania, in travertino e marmo nero, è stata acquisita nel 2008 dalla Soprintendenza BSAE per l’Abruzzo e destinata al Museo Nazionale d’Abruzzo a L’Aquila, mentre Quale tempo, quale spazio di Cloti Ricciardi, realizzata in alluminio e ferro, è stata acquistata dal MUSMA di Matera.
Lucilla Catania e Cloti Ricciardi, nonostante la diversità della loro ricerca artistica e l’appartenenza a differenti generazioni, da tempo lavorano su progetti comuni. Le rispettive sculture hanno generato, nel caso di Catania, una serie di parole atte ad identificare punti cruciali di riflessione e, nel caso di Ricciardi, una progressiva e ritmata numerazione che scandisce le immagini. Da parole e numeri ha origine, dunque, la serie di opere su carta che amplificano il senso e la percezione delle due sculture.
Come sottolinea Giuseppe Appella in catalogo, le due artiste sono “disposte ad affidare al mezzo grafico la costituzione di rigorosi principi espressivi, liberi al punto di nascere dopo e non prima della scultura […] Tanto l’idea preliminare costituisce un genuino disegno interno, quanto l’interpretazione posteriore un autentico disegno esterno, l’uno e l’altro riconosciuti nel loro valore autonomo di esperienza”. Anna Imponente osserva come i disegni si colleghino solo in parte alle opere da cui scaturiscono e appaiano, nel caso di Lucilla Catania “vitalisticamente colorati, ludici, quasi dissacranti, per una nuova, inattesa ironia nei confronti dell’antefatto di pietra e marmo” e nel caso di Cloti Ricciardi “freddamente assertivi, consequenziali nel battere il tempo e pronti a sciogliere l’enigma mentale dei numeri” e dare “una libera via di sbocco alla razionalità della forma contenuta nel ferro e nell’alluminio”.

Catalogo  Gangemi Editore

Ufficio Stampa: Museo Casa Natale G. d’Annunzio
Corso Manthoné 116, Pescara
Tel 085/60391

MUSMA- Museo della Scultura Contemporanea
Palazzo Pomarici, Via San Giacomo (Sasso Caveoso), Matera
Tel.0835/330582/336439